Ai tempi di Cristo i punti fondamentali e di credibilità erano i maghi , gli indovini , gli stregoni , i falsi profeti e tutta la gente pendeva dalle loro labbra e dai loro vaticini.
 

  E Gesù veniva considerato uno di questi , con una attenzione particolare per i miracoli che compiva e la folla che ne era testimone. Ma la premura del Messia è quella di dimostrare che Lui è Dio e per questo ha poteri straordinari , superiori a qualsiasi forza umana. Il compito più gravoso era quello di dimostrare che se uno mangia il suo pane vivrà in eterno e il pane che Lui darà è la sua carne . Discorso arduo , incomprensibile e inconcepibile per i suoi interlocutori !
La liturgia di questa XIX domenica ci propone nella prima lettura poche righe prese dal primo libro dei Re .
E’ un libro del Vecchio testamento , scritto circa 600 anni prima di Cristo , forse da Geremia profeta , perché inserito nell’ambiente letterario e religioso di quel tempo: “..in quel tempo , Elia si inoltrò nel deserto e andò a sedersi sotto un ginepro . Desideroso di morire disse.”ora basta Signore prendi la mia vita…si coricò e si addormentò sotto il ginepro . Allora ecco un angelo lo toccò e gli disse:”alzati e mangia!”…..si alzò , mangiò e bevve . Con la forza datagli da quel cibo , camminò quaranta giorni e quaranta notti fino al monte di Dio , l’Oreb..”
Quel pane fu la salvezza di Elia .
Seicento anni dopo viene il Messia e si offre all’umanità intera come pane vivo disceso dal cielo…
Ma nei Giudei il motivo fondante dei loro ragionamenti era la mormorazione , e infatti dicevano :..”costui non è forse il figlio di Giuseppe ? di Lui conosciamo il padre e la madre . Come può dunque dire : “sonodisceso dal cielo?..”
Quanta pazienza in Gesù,quanta sopportazione! E come è difficile portarli alla persuasione .
Troverà difficoltà perfino con i suoi amici , gli apostoli ;in fatti davanti alla loro incredulità , un giorno disse loro: “..volete andarvene anche voi?”
Me perdura , insiste nel suo progetto e per amore , farà questo dono di sé agli uomini di tutti i tempi .
E sapeva benissimo , perché Dio , quale sarebbe stata la nostra incredulità , la nostra indifferenza .
Ci pensi quale amore smisurato ha sempre avuto verso ciascuno di noi !
Domandiamoci un istante , quale è il nostro atteggiamento verso il pane eucaristico .
Nel momento in cui siamo in Chiesa e quel pane , l’ostia , tra le mani del celebrante, diventa corpo di Cristo , dovrebbe esplodere la nostra fede di fronte a questo prodigio che si ripete ogni giorno , nei secoli…
Vorresti avere conferma dai tuoi sensi ? Con i tuoi occhi non vedrai mai nulla di cambiato;stesso colore , stessa grandezza ,stesso sapore….
E’ soltanto con la fede che devi fare la tua professione : Credo Signore che tu sei realmente presente sotto le specie di quel pane…
E se avrai la fortuna di nutrirti , qualche volta , di quel pane di vita (eucaristia) sarà vero nutrimento della tua anima e con Lui dentro il tuo cuore ti sentirai sicuro , e non temerai i mali che la vita ti propone ogni giorno
 



Slideshow Primo piano

castello_abbadia1.jpg
Vulci: visita alla Città e alle sue Necropoli
collegiata05.jpg
Il monumento funerario a Luciano Bonaparte nella Chiesa Collegiata di Canino
leopardi_01.jpg
Le Tombe dipinte di Tarquinia
canino_palazzo_roma.jpg
Tour virtuale di Canino
giugn.jpg
Tour farnesiano della Tuscia
oliofinale.jpg
L'Olio di Canino
PlayPause
previous arrow
next arrow