Di fronte all’uomo posseduto dal Demonio, Gesù dice: "taci! Esci da quell’uomo.".
Image

  Nei vangeli si fa spesso riferimento alla città di Cafarnao. In questa cittadina della Galilea, vi era una guarnigione romana, guidata da un pio centurione e un posto di dogana il cui funzionario era Levi -Matteo.
Gesù, lasciata la sua Nazareth va ad abitare a Cafarnao, in casa di Pietro, e da buon ebreo il sabato entra nella sinagoga “…e si mise ad insegnare. Ed erano stupiti del suo insegnamento, perché insegnava come uno che ha autorità e non come gli scribi. Allora un uomo, che era nella sinagoga, posseduto da uno spirito immondo, si mise a gridare: Che c’entri con noi, Gesù Nazareno? sei venuto a rovinarci! Io so chi tu sei: il santo di Dio”. E Gesù lo sgridò “TACI ESCI DA QUELL’UOMO”. E lo spirito immondo, straziandolo e gridando forte, uscì da lui…(Mc1, 21-28)

  Ai tempi del Cristo nella Palestina era abbastanza comune che il demonio prendesse possesso fisico di una persona. Tutti i fenomeni negativi venivano considerati come punizione da parte di Dio e quindi anche l’indemoniato era considerato tale, come castigo per i suoi peccati.
Il Messia con la sua autorità impone al demonio di uscire da quell’uomo e lo reintegra nella piena dignità e libertà. Nella nostra mentalità contemporanea sentire parlare di demonio fa quasi ridere…Chiamalo come vuoi, satana, demonio, forza del male, tentazione, desiderio di percorrere una strada sbagliata, curiosità morbosa, libertà di scelta… è proprio qui. Il poeta latino Publio Ovidio Nasone (anno 43 ac. ) sintetizzava il tutto così: “video bona proboque, deteriora sequor” (vedo il bene e l’approvo ma poi seguo la via del male). E’ la storia della realtà quotidiana. Con la nostra libertà possiamo scegliere quello che vogliamo e come vogliamo e troppo spesso perdiamo la nostra libertà.

  Ogni giorno dobbiamo convivere con le attrattive della forza del male, ci illudiamo e gradualmente ci troviamo prigionieri delle nostre scelte. Visto così, anche se non mi interessa la qualifica di satana, demonio, devo essere onesto con me stesso e riconoscere che qualcuno mi tenta in ogni momento verso il male, con l’illusione di poter possedere la felicità. E allora?
“FA CHE ASCOLTIAMO SIGNORE LA TUA VOCE…”
 



Slideshow Primo piano

castello_abbadia1.jpg
Vulci: visita alla Città e alle sue Necropoli
collegiata05.jpg
Il monumento funerario a Luciano Bonaparte nella Chiesa Collegiata di Canino
leopardi_01.jpg
Le Tombe dipinte di Tarquinia
canino_palazzo_roma.jpg
Tour virtuale di Canino
giugn.jpg
Tour farnesiano della Tuscia
oliofinale.jpg
L'Olio di Canino
PlayPause
previous arrow
next arrow