Dov’è oggi Gesù? Nelle chiese risplendenti di tesori d’arte o nei luoghi dove si lavora e si lotta per la pace? Dalla Corea le riflessioni di Padre Vincenzo per la Pasqua.
Padre Vincenzo celebra un battesimo in Corea

  Avete mai sentito parlare dell’ottavo sacramento? Probabilmente no. E' la prima volta che ascoltate questa strana parola perché nella catechesi parrocchiale si insegnano i Sette Sacramenti: battesimo, cresima, comunione, ordine, matrimonio… e non si va al di là di quelli. A dire il vero anch’io, dell’ ottavo sacramento, pur vivendolo da tanto tempo, ho preso coscienza solo ultimamente. Ma di cosa si tratta? Prima di continuare questo provocatorio dialogo vorrei offrirvi una icona, una immagine forte e bella, per spiegare quello che sto affermando.
Dice il Vangelo: “Presero il corpo di Gesù, lo legarono con panni di lino insieme con aromi, come è usanza di seppellire presso i Giudei (Gv.19),…rotolarono una grande pietra alla porta del sepolcro e se ne andarono (Mt.27). Le autorità vi misero anche delle guardie per costudire il sepolcro (Mt.28)”. Gesù è li’ nella grotta: legato con le bende. Chiusa l’entrata con una enorme pietra. Vigilata dai soldati…Eppure arrivano i suoi discepoli e la tomba è inspiegabilmente vuota. Gesù non c’è. Anche quando i discepoli si imbattono in Cristo risorto non lo riconoscono perché Lui è un giardiniere (Gv.20), un viandante (Lc.24), un pescatore (Gv.21), uno spirito (Lc.24), è uno ‘qualunquè che incontrano nella vita di ogni giorno.
E qui mi viene da fare un paragone azzardato, quasi blasfemo, con la realtà ecclesiale di oggi. Noi sappiamo che Gesù è nelle nostre chiese sovraccariche d’arte. Lo abbiamo anche ben serrato nel dorato tabernacolo e, per evitare ogni brutta sorpresa, abbiamo messo anche delle telecamere per sorvegliarlo. Lui è li’. Lo crediamo per fede. Ne siamo certi. Ma l’uomo di oggi, tanti miei compagni di viaggio, mi dicono: ”Sono entrato in chiesa e l’ho trovata vuota. Non ho percepito la presenza viva e gioiosa di Gesù risorto. Non ci ritornerò più”. Non perché il Signore non sia presente nel bel tabernacolo ma perché quella presenza non “parla, non comunica” molto alla persona moderna.
Allora se ne vanno delusi e si recano in altri templi dove ci si confronta, si parla - alla persona dell’epoca attuale piace essere protagonista, dire la sua, discutere - di ecologia, salvaguardia del creato, di natura da difendere, da un pericoloso livello di inquinamento. Questi nuovi templi sono pieni; pullulano di gente di ogni colore ed estrazione sociale. Non potrebbero essere questi ultimi le nuove cattedrali dove Dio Padre, Creatore dell’universo e Signore della natura, ha deciso di porre una sua dimora?
Oggi in tante organizzazioni e conferenze, in ambito ONU o dell’Unione Europea, si lavora, ci si impegna, e ci si sacrifica per la pace. Non potrebbero essere quei luoghi, alcune volte piccoli e oscuri, altre volte grandi e luminosi i nuovi splendidi santuari dove, Cristo, Signore della pace, ha deciso di farsi incontrare? Non dimentichiamo infatti l’insegnamento del Vangelo. Il primo saluto di Gesù Bambino all’umanità è stato: “Pace agli uomini che egli ama” (Lc.2). Che inviando i suoi seguaci ha raccomandato loro di salutare dicendo: “Pace in questa casa” (Lc.10). Che ha chiamato gli operatori di pace “beati perché chiamati figli di Dio” (Mt.5). E che, appena risorto, la sua prima preoccupazione è stata quella di dire, per ben tre volte, dopo una morte ingiusta: “Pace a voi” (Gv.20). E non potrebbe, al contrario, essere rigorosamente assente da quelle stanze, belle ed asettiche, dove si pianificano guerre, invasioni preventive per salvaguardare interessi vitali e strategici di un Paese, operazioni militari chirurgiche che seminando odio portano un’onda lunga, un terribile tsunami fatto solo di violenza cieca, di sentimento di rivolta, di ribellione di piazza?
Ci sono poi associazioni, ritrovi, dove si lavora e ci si impegna per la giustizia. Ficcandoci il naso dentro si vedono tanti giovani belli, entusiasti, intelligenti che si compromettono per un mondo migliore fino a pagarne di persona. Oggi in queste agorà si parla molto di solidarietà tra i popoli, cancellazione del debito pubblico, aiuto ai paesi in via di sviluppo. Non potrebbe essere che lo Spirito del Signore che è Spirito di Amore e Giustizia abbia trasformato con la sua presenza quei luoghi in belle chiese dove è possible incontrare lo Spirito dell’ Amore?
Continuando a leggere i vangeli si vede con stupore e sorpresa che la parola che più ricorre per descrivere gli apostoli dopo la resurrezione non è gioia ma paura (Lc.24). Gli stessi seguaci di Gesù, poichè non erano capaci di riconoscerlo nelle sue nuove sembianze, avevano paura… erano sospettosi e turbati davanti al Signore. Non potrebbe essere che noi uomini di chiesa di oggi in questi fermenti di giustizia, in questi movimenti di pace, in queste assemblee di solidarietà, non sappiamo riconoscere il Volto Nuovo che la Trinità ci manifesta e ci chiudiamo in un ottuso timore, come gli apostoli dopo la resurrezione, per difendere solo quel Signore che conosciamo, abbiamo studiato, analizzato e messo in quadri chiari e ben definiti della teologia aristotelico-tomista?
L’ottavo sacramento, allora, è il sacramento che ci fa vincere la paura innata in ognuno di noi, e ci aiuta ad uscire dalle nostre belle chiese cattoliche, dove sappiamo che Gesù è presente nella santa Eucarestia, nella Parola proclamata, nella Comunità viva ed orante, per andare alla ricerca dei ‘nuovi volti’ di Gesù nella storia di oggi, nella società moderna. Come ha fatto Giovanni Paolo II che con la sua morte ha mosso il mondo perché lui per primo, con coraggio e forza, si è mosso nel mondo alla ricerca di quei semi del Verbo presenti nella società.
Comprendiamo, quindi, come l’ottavo sacramento sia il sacramento dell’uomo dei nostri giorni, del Regno di Dio, “della vita e della liberta” dei figli di Dio (LG.9). Questo sacramento ha come ministro il Cristo vivo e risorto in mezzo a noi. Viene celebrato nelle piazze, nelle strade, nelle case, negli ospedali, nelle agorà moderne, nei blog impegnati, nei luoghi di divertimento… là, insomma, dove ogni persona vive, gioisce, soffre, spera, lotta, sogna e lavora per costruire un mondo migliore. “La Chiesa cattolica - dice il Concilio Vaticano - annuncia ed instaura in tutte le genti il Regno di Dio, che è un regno di giustizia, pace e gioia (Rom.14), e di questo Regno costituisce in terra il germe e l’inizio… il segno e lo strumento ma non si identifica con esso (LG.5)”. Il Regno di Dio è molto più grande, vasto, immenso della Chiesa stessa.
Andare dietro a Gesù significa mettere al primo posto non una dottrina da imparare, ma una Persona da seguire, uno stile di vita da reinventare. La sequela evangelica non vuole separazione o chiusura. Ma è una proposta ad aprirsi, un invito ad uscire, ed andare verso l’universalità e la missione; a vincere le ansie inquietanti ed a danzare il ballo gioioso della vita con tutti gli uomini e donne del nostro tempo: “Facci vivere la nostra vita/ Non come un giuoco di scacchi dove tutto è calcolato/ Non come una partita dove tutto è difficile/ Non come un teorema che ci rompa il capo/ Ma come una festa senza fine dove il tuo incontro si rinnovella/ Come Un ballo/ Come una danza,/ Fra le braccia della tua grazia,/ Nella musica che riempie l’universo d’amore/ Signore, vieni ad invitarci (Madeleine Delbrêl).
Gesù è venuto e ci ha invitati ad incontrarlo “là fuori delle mura”. Gettiamo le nostre angosce alle spalle ed usciamo a celebrare l’ottavo sacramento, quello della gioia e della libertà. Andiamo a danzare con allegria il ballo della vita con Cristo risorto.
Buona Pasqua
 



Slideshow Primo piano

castello_abbadia1.jpg
Vulci: visita alla Città e alle sue Necropoli
collegiata05.jpg
Il monumento funerario a Luciano Bonaparte nella Chiesa Collegiata di Canino
leopardi_01.jpg
Le Tombe dipinte di Tarquinia
canino_palazzo_roma.jpg
Tour virtuale di Canino
giugn.jpg
Tour farnesiano della Tuscia
oliofinale.jpg
L'Olio di Canino
PlayPause
previous arrow
next arrow