La liturgia domenicale ci propone spesso i miracoli compiuti da Gesù.
Image

  

  La parola miracolo esprime qualsiasi fenomeno prodotto da una forza soprannaturale, in quanto sfugge alle normali leggi della natura. E viene confermato anche nel nostro lessico popolare: quante volte, forse anche tu, in varie circostanze, avrai usato l'espressione ... " non posso mica fare miracoli... non posso fare l'impossibile." Se ti metti a raffronto con il Cristo, vedi subito la profonda differenza: noi con i nostri limiti, spesso molto accentuati, Lui con la sua potenza straordinaria, perché è Dio! Questa volta è un cieco, Bartimeo, seduto lungo la strada a mendicare. Gli dicono che passa Gesù e lui "al sentire che c'era Gesù Nazareno, cominciò a gridare e a dire: Figlio di David, Gesù, abbi pietà di me!". Non aveva altro modo per attirare (con tipica insistenza orientale) l'attenzione di Gesù, dato che il Signore passava contornato da grande folla rumorosa, mentre egli sedeva al bordo della strada. Allora Gesù gli disse: "Che vuoi che io ti faccia? E il cieco a Lui : Rabbunì, che io riabbia la vista! E Gesù gli rispose: "va, la tua fede ti ha salvato". E subito riacquistò la vista e prese a seguirlo per la strada. In tutti i miracoli descritti nel Vangelo, appare evidente come Gesù è sempre pronto ad esaudire la richiesta fatta con fede. E questo, per noi, è un grande insegnamento. Spesso la nostra languida fede viene soprafatta dal raziocinio. Nel chiedere l'intervento di Gesù per la nostra preoccupante situazione, dubitiamo molto del possibile risultato, perché anteponiamo la logica, il nostro raziocinio. La nostra sfiducia è conseguenza di quelle analisi, di quella diagnosi, di quelle previsioni.... Se ti trovi in situazioni pesanti e difficili della vita familiare, quante volte dal tuo cuore è emersa la sensazione, quasi certezza, che" tanto oramai, a come si sono messe le cose, non c'è più nulla da fare..." Sforzati di chiedere aiuto a Gesù, senza nessun condizionamento, con estrema fiducia! Non stare ad elencare tutti gli aspetti negativi; Lui ti conosce benissimo. “! Ti posso suggerire un consiglio? Chiedi non telegraficamente, ma ripetutamente, con insistenza. Un giorno Gesù disse: se anche non meritate il mio intervento, lo otterrete, per lo meno, da quanto siete noiosi..! GRAZIE SIGNORE DELLA TUA SCONFINATA BONTA’! Fonte: www.viedellospirito.it

Slideshow Primo piano

castello_abbadia1.jpg
Vulci: visita alla Città e alle sue Necropoli
collegiata05.jpg
Il monumento funerario a Luciano Bonaparte nella Chiesa Collegiata di Canino
leopardi_01.jpg
Le Tombe dipinte di Tarquinia
canino_palazzo_roma.jpg
Tour virtuale di Canino
giugn.jpg
Tour farnesiano della Tuscia
oliofinale.jpg
L'Olio di Canino
PlayPause
previous arrow
next arrow