La Liturgia di questa xxv domenica del tempo ordinario, ci propone ancora l’insegnamento di Gesù tramite un raccontino immaginario, ma molto comprensibile dal suo uditorio
Image

 E’ la parabola degli operai nella vigna. E’ raccontata soltanto dall’evangelista Matteo, che da antico gabelliere, si può pensare fosse psicologicamente più sensibile a tali episodi e problemi attinenti a pagamenti ed a salariati. In Giudea la coltura della vigna era una delle principali attività agricole. Secondo i costumi orientali, ancora vigenti in qualche luogo, i braccianti se ne andavano con i loro arnesi, di primo mattino, alla porta della città o sulla piazza, attendendo di essere presi a giornata. “ Il regno dei cieli è simile a un padrone di casa che uscì all’alba per prendere a giornata lavoratori per la sua vigna. Si accordò con loro per un denaro al giorno e li mandò nella sua vigna.” DENARO era moneta romana d’argento, con l’effige dell’imperatore, di grammi 3,90,del valore di 5 grammi d’oro, ossia di quasi una lira d’oro, corrispondente in quella epoca alla dramma greca, normale retribuzione di una giornata di lavoro. I primi operai iniziano il lavoro alle sei del mattino, altri iniziano alle ore 9, altri alle 12, altri alle 15 e infine alcuni addirittura alle 17, cioè un’ora prime del tramonto, ossia a un’ora prima del momento in cui finiva la giornata di lavoro.I primi ad essere pagati sono quelli delle ore 17 e tutti Avranno la stessa paga come chi aveva lavorato dalle 6 del mattino. E scatta la critica,logica anche per noi: “ Questa è un’ingiustizia”.. “..questi ultimi hanno lavorato un’ora soltanto e li hai trattati come noi, che abbiamo sopportato il pesa della giornata e il caldo”. Quanto è diverso il comportamento di Dio con noi.Non ci tratta secondo una arida giustizia, ma sempre, sempre con infinito amore.Forse è capitato anche a te di ipotizzare posti in Paradiso secondo una scala logica di valori e meriti, e ci sembra assurdo che coloro che hanno passato la vita tutta per i loro interessi materiali ed economici, illudendosi a fare a meno di Dio, vengano salvati all’ultimo momento e partecipano come noi ( i santoni ) alla gloria eterna nel cielo. La parabola raccontata da Gesù, è per tutti noi motivo di grande consolazione. Essere oggetto di questo amore infinito di Dio che arde dal desiderio di dare ad ogni sua creatura, una felicità eterna.Prova a ripetere, con calma e raccoglimento il salmo responsoriale di questa domenica: Ti voglio benedire ogni giorno, lodare il tuo nome in eterno e per sempre. Grande è il Signore e degno di ogni lode; senza fine è la Sua grandezza. Misericordioso e pietoso è il Signore, lento all’ra e grande nell’amore. Buono è il Signore verso tutti, la sua tenerezza si espande Su tutte le creature. Giusto è il Signore in tutte le sue vie e buono In tutte le sue opere. Il Signore è vicino a Chiunque lo invoca, quanti lo invocano Con sincerità. Quanto viene spontaneo dire dal profondo del cuore,“Grazie Signore, della tua bontà e premura che hai per me”. Fonte: www.viedellospirito.it  

Slideshow Primo piano

castello_abbadia1.jpg
Vulci: visita alla Città e alle sue Necropoli
collegiata05.jpg
Il monumento funerario a Luciano Bonaparte nella Chiesa Collegiata di Canino
leopardi_01.jpg
Le Tombe dipinte di Tarquinia
canino_palazzo_roma.jpg
Tour virtuale di Canino
giugn.jpg
Tour farnesiano della Tuscia
oliofinale.jpg
L'Olio di Canino
PlayPause
previous arrow
next arrow