Il Messia aveva già ripetutamente preannunciato la sua morte, ma non la sua passione
Image

 Questo è il primo annuncio, tanto più opportuno dopo la proclamazione della divina grandezza di Gesù, che poteva far dimostrare facilmente la sua profetizzata missione di sacrificio. E non mancherà di insistere varie altre volte, per preparare l’animo degli Apostoli; ma sempre aggiungerà il preannuncio della risurrezione. Spiega che deve “ soffrire molto da parte degli anziani, dei capi, dei sacerdoti e degli scribi e venire ucciso e risorgere il terzo giorno. Pietro lo prese in disparte e si mise a rimproverarlo dicendo: Dio non voglia, Signore; questo non ti accadrà mai”. Pietro è sempre lui; non sa conciliare la grandezza divina di Gesù, con la prospettata passione: proteste sospinte dall’amore, ma ancora gretto e terreno. L’ardire della sua viva opposizione si spiega anche con la confidenza che aveva acquistato e con la consapevolezza del suo primato. “ Và dietro a me, Satana! Tu mi sei di scandalo, perché non pensi secondo Dio, ma secondo gli uomini”. Gesù apostrofa Pietro chiamandolo satana; è una sfrezzante risposta che non riguarda ovviamente la persona di Pietro, ma la sua suggestione che mirava a trattenerlo dall’adempimento della missione affidatagli dal Padre. Chiunque ostacola, infatti, la volontà divina, si pone in qualche modo contro Dio e dalla parte di Satana. Ed ecco il grande insegnamento per noi: “ Se qualcuno vuole venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce e mi segua”. Seguire Cristo,comporta rinunce e sacrifico. Molti della folla, sotto la spinta emotiva, si dichiararono pronti a seguire Cristo, ma poi si tiravano indietro. Non pretende da noi il Signore le scelte di Francesco d’Assisi, o di Madre tersa di Calcutta, ma ci chiede di non essere troppo morbosamente attaccati ai bei terreni, perché, come conseguenza inevitabile, si va verso l’egoismo. A parole siamo prodighi di considerazioni caritative verso il prossimo che soffre; ma in pratica non diamo che una piccolissima parte del superfluo! E questo attaccamento smodato ai beni terreni, provoca una catena di delusioni e risentimenti, soprattutto quando l’eredità paterna non ci sembra divisa in parti eque e non riusciamo a godere anche del poco che abbiamo, perché vittime, secondo noi, di ingiustizie. Ci pensi quanto è assurdo il nostro comportamento! Passiamo il tempo in rivendicazioni, a volte azioni legali, come se la nostra vita terrena fosse senza fine. Signore, mi vergogno quando anche io sono così attaccato al denaro. Mi voglio giustificare, dicendo che non mi basta mai, e mi ostino a non tesaurizzare per la vita eterna, privandomi di qualcosa anche utile. Se avessi la sapienza di tenere presente che se io do uno,riceverò da Te cento, avrei serenità, tranquillità nei miei giorni terreni e certezza di ricompensa nei giorni senza fine. Fonte: www.viedellospirito.it  

Slideshow Primo piano

castello_abbadia1.jpg
Vulci: visita alla Città e alle sue Necropoli
collegiata05.jpg
Il monumento funerario a Luciano Bonaparte nella Chiesa Collegiata di Canino
leopardi_01.jpg
Le Tombe dipinte di Tarquinia
canino_palazzo_roma.jpg
Tour virtuale di Canino
giugn.jpg
Tour farnesiano della Tuscia
oliofinale.jpg
L'Olio di Canino
PlayPause
previous arrow
next arrow