In questa seconda parte del cammino di Avvento verso il Natale, il personaggio dominante è Giovanni Battista, il cugino di Gesù.
Image

 
E’ chiamato Battista, perché dava il Battesimo di penitenza, Predicava nel deserto della Giudea, vasta zona montuosa, detta “deserto” solo nel senso di disabitata e incolta, sul versante orientale dei monti della Giudea, fino al mar Morto. Il rozzo vestito che indossava, richiamava alla penitenza e ricordava gli antichi profeti. Si nutriva di locuste, o cavallette, usate anche oggi dai beduini, dopo averle arrostite e private della testa, delle ali, e delle gambe. Giovanni utilizzava anche il miele selvatico che si trovava nelle fenditure delle rocce o degli alberi, ed anche dei datteri pestati. Invitava la gente alla confessione dei peccati che veniva fatta durante il battesimo, che consisteva nell’abluzione per immersione nelle acque del Giordano. Tutto ciò disponeva interiormente l’animo al cambiamento di vita ma non aveva la forza intrinseca dei sacramenti che saranno istituiti da Gesù Cristo. Il Battista si scaglia contro coloro che venivano al rito come ad una cerimonia puramente esteriore: E’ molto duro con i Farisei e Sadducei :”..già la scure è posta alla radice degli alberi; perciò ogni albero che non dà buon frutto viene tagliato e gettato nel fuoco…”. Il Vangelo di questa domenica dovrebbe far riflettere ciascuno di noi! Ed il rimprovero del Battista forse è indirizzato anche a me. Se Natale è sinonimo di festa esteriore, suoni, luminarie, dolci, regali, anche l’andare in Chiesa può essere sinonimo di puro formalismo, tradizione, esteriorità. Se riuscissi in questi pochi giorni a mettere un po’ di ordine nel mio cuore! E’ dentro di me che deve nasce la pace, la gioia, la serenità. Sentiremo risuonare continuamente l’invito agli uomini di buona volontà, che è sinonimo di rinunzia, sacrificio, determinazione. Proviamoci, anche se dovremo rinunciare a tante abitudini, frenare gli istinti, dominare i nostri risentimenti… Arriva il Natale! Quanto vorrei sorridere esprimendo la gioia che emana dal mio cuore in pace con Dio e con gli uomini. Fonte: www.viedellospirito.it  

Slideshow Primo piano

castello_abbadia1.jpg
Vulci: visita alla Città e alle sue Necropoli
collegiata05.jpg
Il monumento funerario a Luciano Bonaparte nella Chiesa Collegiata di Canino
leopardi_01.jpg
Le Tombe dipinte di Tarquinia
canino_palazzo_roma.jpg
Tour virtuale di Canino
giugn.jpg
Tour farnesiano della Tuscia
oliofinale.jpg
L'Olio di Canino
PlayPause
previous arrow
next arrow