Tuscia terra di cinema
Image

Su questo territorio hanno acceso le loro telecamere i più grandi registi italiani e non solo: da Fellini a Pasolini, da Monicelli a Orson Welles, da Zeffirelli alla Cavani.

E’ un giacimento culturale del quale non tutti siamo pienamente consapevoli e che andrebbe maggiormente valorizzato. A Los Angeles dedicano una piazza alle “impronte delle star”, qui abbiamo luoghi e paesi legati in modo indissolubile a capolavori assoluti del cinema, premiati anche con l’Oscar, e quasi non ce ne ricordiamo. Pensiamo ad esempio a Bagnoregio e “La Strada”, Viterbo e “I Vitelloni”, Tuscania e “Uccellacci e Uccellini”... e tanti tanti altri.

Il Tuscia Film Fest, che si è imposto ormai all’attenzione di cinefili e appassionati come manifestazione di livello non solo provinciale, è nato per riannodare questi antichi legami tra Tuscia e cinema. Quest’anno, in particolare, ha deciso di ampliare le sue sezioni con una sessione autunnale dedicata ai “corti”, tenutasi a Vitorchiano (altro luogo legato al ricordo di un film memorabile come “L’Armata Brancaleone”). Il successo è stato notevole: gli organizzatori si sono visti recapitare oltre duecento cortometraggi, opera per lo più di registi giovanissimi. Tra questi sono stati selezionati i dodici finalisti, sottoposti al giudizio di una giuria tecnica ed una popolare formata da studenti delle scuole viterbesi.

L’ISIS “C.A. Dalla Chiesa” di Montefiascone, chiamato a far parte della giuria, ha avuto l’onore di veder proiettato nel corso della rassegna un suo “corto”, interamente realizzato dagli studenti che hanno partecipato al laboratorio audiovisivo, parte integrante del P.O.F. d’Istituto. Il mini-film si intitola “Parlami d’amore” e in poco più di due minuti riesce a raccontare una storia compiuta di delicati e ambigui sentimenti adolescenziali. Nella prima sequenza la telecamera inquadra due mani che scrivono su una tastiera di computer una lettera d’amore. Quindi seguiamo una ragazza, la protagonista, interpretata da Stefania Briganti, che entra in un laboratorio della scuola per leggere una mail. Gratificata dal misterioso corteggiatore telefona subito a Simona, l’amica del cuore. Il film si chiude con il primo piano della tastiera dove una lacrima cade a bagnare la lettera “S”, lasciando intravedere un finale non convenzionale e comunque non scontato.

Il laboratorio di comunicazione audiovisiva è una delle attività extracurriculari proposte dall’Isis “Dalla Chiesa” di Montefiascone agli studenti dei suoi quattro indirizzi di studio: liceo classico, scientifico, istituto tecnico economico e tecnologico. E’ affiancato da altre attività di tipo ludico quali: laboratorio teatrale, musicale e gruppo sportivo. Sono state invece inserite nell’ordinario curricolo scolastico attività qualificanti destinate al conseguimento di una certificazione, quali PET, ECDL e CAD.

 

Temi

Gli Etruschi
Gli Etruschi
I Farnese
I Farnese
Canino
Canino
Luciano Bonaparte
Luciano Bonaparte

 

Interventi
Interventi
Personaggi
Personaggi
Tuscia
Tuscia
Calendario di Lucrezia
Calendario di Lucrezia

 

Antropologia
Antropologia
Teatro
Teatro
Tuscia vista dal cielo
Tuscia vista dal cielo
Artisti
Artisti

 

Primo piano