L’arte narrativa di Marco

Multithumb found errors on this page:

There was a problem loading image 'http://am1.activemeter.com/webtracker/track.html?method=track&pid=7715&java=0'
There was a problem loading image 'http://am1.activemeter.com/webtracker/track.html?method=track&pid=7715&java=0'
Soffermiamoci un momento sulla capacità dimostrata dall’evangelista Marco nel comporre il suo racconto.
Image

  Soffermiamoci un momento sulla capacità dimostrata dall’evangelista Marco nel comporre il suo racconto , tenendo presente che non possiamo considerare il suo lavoro come un semplice prodotto dell’arte umana , sapendo che si tratta di un prosa stesa sotto ispirazione divina , come ogni altro scritto biblico.
Marco è uno scrittore semita , non estraneo all’ellenismo e alla romanità . Per questa ragione si serve di parallelismi o di quella che gli esegeti chiamano”paratassi” , consistente nell’adoperare un elemento descrittivo che poi ribalta ,conservandolo per quello che è , allo scopo di ribadire meglio quanto vuole offrire al lettore .
Così va incontro ad una manifesta povertà di linguaggio , cioè di una terminologia che non dispone di una tavolozza ricca di colori . Benché di stirpe levitica , e pertanto uscito da sicura scuola rabbinica , può fare affidamento su limitate possibilità espressive . Le parole , le formule , sono troppo simili fra di loro , per non attirare l’attenzione del lettore .
Predilige frasi fatte , come “chiamò a sé” , sia che si tratti di apostoli che di folla invitata ad accostarsi; si affida a schemi fissi , incurante della varietà stilistica ,come quando narra che Gesù disse alla tempesta che infuriava sul lago: ”taci” ! E lo stesso imperativo te lo fa sentire di nuovo , dentro la sinagoga di Cafarnao , rivolto all’indemoniato che aveva avuto l’impudenza di rivelare la sua identità divina “taci! Esci da quell’uomo” (1,25).
Ancora più originale la sua tendenza ad usare la stessa frase , anche se rivolta a personaggi diversi del suo racconto , come quando fa dire da Gesù al paralitico , calatogli davanti , dal tetto della casa:”alzati , prendi il tuo lettuccio e va a casa tua (2,11) ; alla donna con emorragie: ”và in pace e sii guarita (5,34) ; e al cieco di Betsaida :”lo rimandò a casa , dicendo:non entrare nemmeno nel villaggio” (8,26)
E’ suo il gusto per osservazioni strettamente personali su elementi in apparenza privi di importanza e che , intanto , rendono la lettura piena di vivacità giovanile di sicuro effetto .

Un saggio di queste preziosità:
-Al momento della guarigione della suocera di Pietro , precisa :”egli(Gesù),accostatosi ( a lei ) la sollevò prendendola per mano”(1,13). Notare i dettagli di per sé pleonastici , e intanto così gustosi .Non gli basta ,.aggiunge che quella donna , appena guarita , “si mise a servirli”.

-Durante la nota tempesta sul lago : ”Egli (sempre Gesù) se ne stava a poppa , sul cuscino e dormiva” (4,38) Avete mai notato quel punto della poppa sulla barca ? quel cuscino ?

-Nel racconto della figlia di Jair , morta e richiamata in vita da Gesù , Marco deve informarci che quella fanciulla “aveva dodici anni” ( 5,42) . Importante no ?

- Sulle vesti di Cristo trasfigurato , deve precisare che “nessun lavandaio sulla terra potrebbe renderle così bianche” (9,3). Come gli è venuto in mente quel lavandaio?…

- Ma è tutta così la prosa di Marco: fresca, vivida, pronta a sorprenderci con cento osservazioni , tutte interessanti ,talvolta anche leggermente caustiche.
 



Temi

Gli Etruschi
Gli Etruschi
I Farnese
I Farnese
Canino
Canino
Luciano Bonaparte
Luciano Bonaparte

 

Interventi
Interventi
Personaggi
Personaggi
Tuscia
Tuscia
Calendario di Lucrezia
Calendario di Lucrezia

 

Antropologia
Antropologia
Teatro
Teatro
Tuscia vista dal cielo
Tuscia vista dal cielo
Artisti
Artisti

 

Primo piano