Il Cuore

Multithumb found errors on this page:

There was a problem loading image 'http://am1.activemeter.com/webtracker/track.html?method=track&pid=7715&java=0'
There was a problem loading image 'http://am1.activemeter.com/webtracker/track.html?method=track&pid=7715&java=0'
Dire "cuore" non è alludere ad un mondo puramente emozionale dove si naviga tra il sentimento vaporoso e il sogno evasivo.
Image

  Nella rubrica di un settimanale, a fronte della descrizione di comportamenti ormai abituali nei "sabati degli eccessi" musica, droga, sesso, un commentatore, riconosciuto come acuto nelle diagnosi e nelle terapie, ha scritto parole lucide e penetranti come lame di acciaio: "Le ragioni di simili comportamenti penso siano da ricercare innanzitutto nel fatto che non si ha più fiducia nel futuro, e perciò bisogna vivere in tutta la sua intensità l'assoluto presente. In secondo luogo sempre meno sono quelli in grado di usare il pensiero e il sentimento, per cui, peggio dei cerebrolesi, e, se mi è consentita l'espressione, dei 'cardiolesi', vivono solo di sensazioni, trasformando il corpo, con cui neppure più si identificano, in un laboratorio di esperimenti sensoriali ad alta intensità".
  Non è una parola presente nei vocabolari, né è un termine di uso corrente, ma "cardiolesi" - in questa accezione - è una parola in grado di offrire la chiave ermeneutica di processi psicologici, socio-culturali e spirituali che costituiscono il tessuto di molte esistenze e descrivono il contesto di non pochi ambienti di aggregazione sociale..
"Cardiolesi, da un punto di vista clinico, sono, in realtà, persone che hanno subìto una lesione cardiaca con conseguente alterazione delle funzioni affettive e fisiche alle quali va ogni solidarietà e affettuosa vicinanza. Ma qui non si tratta del "cuore" come organo centrale del corpo umano. Si tratta di entrare nell'orizzonte del simbolo, dove il cuore possiede una sua singolarità incomparabile e una insuperabile valenza di significato. È S. Agostino ad affermare che è il cuore lo spazio "dove sono chiunque sono", cioè lo spazio della identità, o, nell'orizzonte biblico, il luogo della profondità stessa dell' essere.

  Allora la parola "cuore" sta ad indicare quel complesso di realtà proprie della persona umana che comprende il mondo emotivo, quello della percezione, delle valutazioni, delle scelte, del discernere il bene e il male, insomma tutta quella sfera "metalogica" non raggiungibile dalla "scienza" né traducibile nei linguaggi del computer.
"La funzione del cuore - ha scritto Teofane il Recluso, un santo monaco dell'Athos ( + 1894) - consiste nel sentire tutto ciò che tocca la nostra persona". Esso è il "barometro della vita": tutto ciò che accade in noi o si produce al di fuori vi lascia una traccia.
Dire "cuore", allora, non è alludere ad un mondo puramente emozionale dove si naviga tra il sentimento vaporoso e il sogno evasivo. Tutta l'antropologia e la spiritualità della tradizione orientale vede nel composto umano tre elementi essenziali così che, mettendo insieme la terminologia biblica e la speculazione neoplatonica (da Posidonio a Plotino), giunge a parlare di tre tipi di uomo: quello "sensibile", quello "razionale", quello "spirituale".

  E il "cuore", proprio nell'uomo autentico, rappresenta il "centro esistenziale", soprattutto nella sua esperienza religiosa. Per questo in Oriente la preghiera vera è "la preghiera del cuore": basti ricordare "Racconti del pellegrino russo".
Nel "cardioleso" - per tornare su questo termine provocatorio - tutta questa interiorità è entrata in crisi, è stata lesionata, è compromessa. E l'uomo diventa disumano.
A questo punto a nessuno può sfuggire la importanza e la urgenza della "formazione del cuore".

Lorenzo Chiarinelli - Vescovo di Viterbo



Temi

Gli Etruschi
Gli Etruschi
I Farnese
I Farnese
Canino
Canino
Luciano Bonaparte
Luciano Bonaparte

 

Interventi
Interventi
Personaggi
Personaggi
Tuscia
Tuscia
Calendario di Lucrezia
Calendario di Lucrezia

 

Antropologia
Antropologia
Teatro
Teatro
Tuscia vista dal cielo
Tuscia vista dal cielo
Artisti
Artisti

 

Primo piano