“ Se uno vuol essere il primo, sia l’ultimo di tutti”

  Partiti dalla zona del Tabor, Gesù e gli apostoli si avviarono verso Cafarnao, ma invece di andarvi direttamente e per la strada principale, si attardarono nella campagna e nei sentieri meno battuti.
Image

Per restare nascosti.

 

Avvicinandosi il grande momento della sua vita terrena, Gesù intensifica la istruzione dei discepoli, basando i suoi ammaestramenti, in particolare, sulla sua morte redentrice.

 

“.. e diceva loro: il figlio dell’uomo sta per essere consegnato nelle mani degli uomini e lo uccideranno; ma una volta ucciso, dopo tre giorni, risusciterà. Essi però non compresero queste parole e avevano timore di chiedergli spiegazioni”.

 

Persiste la mancanza di comprensione degli apostoli su tale difficile argomento; le parole di Gesù ripugnano troppo alle aspettative giudaiche di gloria terrena del Messia, cui gli apostoli erano ancora legati e alle tendenze egoistiche della natura umana.

 

Quando arrivarono a Cafarnao andarono a risposarsi nella abituale dimora di Gesù, probabilmente quella di Pietro.

 

“..e quando furono in casa, chiese loro: di che cosa stavate discutendo lungo la strada? Ed essi tacevano. Per via infatti avevano discusso tra di loro chi fosse il più grande”.

 

Allora gli apostoli sedettero a terra ai piedi di Gesù.

 

E Gesù disse loro:” Se uni vuole essere il primo sia l’ultimo di tutti e il servo di tutti.

E preso un bambino lo pose in mezzo e abbracciando lo disse loro:  Chi accoglie uno di questi bambini nel mio nome, accoglie me: chi accoglie me non accoglie me. Ma colui che mi ha mandato”.

 

Stupenda lezione del Messia per i suoi amici!

 

E con questo amore e pazienza il Maestro catechizza gli apostoli.

 

E’ la stessa pazienza che usa quotidianamente con ciascuno di noi.

 

Quanto siamo simili agli apostoli!

Al primo posto mettiamo sempre i nostri interessi materiali e la illusoria ricerca di benessere e felicità.

Non vogliamo sentire parlare di sofferenza e continuiamo, nel nostro rapporto con Cristo, a chiedergli di stare materialmente bene.

 

E poi la lezione stupenda sulla grandezza dell’umiltà!

Purtroppo noi dobbiamo fare i conti con il nostro orgoglio, con il farci riconosce con ogni mezzo, i nostri meriti, a volte anche presunti.

 

E paragoniamo l’umiltà  come sinonimo di debolezza, viltà, mentre viene chiamata ed è essenzialmente la virtù dei forti.

 

Signore mio, dammi la forza di accettare serenamente le croci che la vita mi riserva !

Che io sappia frenare il mio desiderio intimo di eccellere, di essere tra i primi, di avere qualche riconoscimento; dammi la convinzione che se vado dietro a queste aspirazioni terrene, avrò soltanto delusioni senza nessuna caparra per le vita eterna.

 

 

 

 

 

 

 

Temi

Gli Etruschi
Gli Etruschi
I Farnese
I Farnese
Canino
Canino
Luciano Bonaparte
Luciano Bonaparte

 

Interventi
Interventi
Personaggi
Personaggi
Tuscia
Tuscia
Calendario di Lucrezia
Calendario di Lucrezia

 

Antropologia
Antropologia
Teatro
Teatro
Tuscia vista dal cielo
Tuscia vista dal cielo
Artisti
Artisti

 

Primo piano