Siamo figli di Dio, abbiamo un destino di gloria

  La liturgia celebra oggi il più grande mistero della fede per i credenti
Image

Dio è uno in tre persone uguali e distinte: Padre, Figlio, Spirito Santo.

 

La mente umana di fronte ai misteri della fede si smarrisce.

 

Non esiste raziocinio umano che possa scandagliare il mistero.

 

Apparso sopra una montagna della Galilea, Gesù risorto disse agli apostoli queste parole solenni:”..andate! battezzate e istruite tutte le genti nel nome del Padre, del Figlio, dello Spirito Santo.”( Mt. 28,19 )

 

E’ meraviglioso: gli apostoli devono istruire le genti, con ciò che non si capisce!

 

Il mistero della Trinità è come il sole, che non si può guardare ma che illumina tutte quante le altre cose.

 

E’ stato Cristo stesso che rivelò agli apostoli il mistero della Trinità per cui poteva dire loro “… vi ho chiamati amici perché vi ho fatto conoscere tutto quello che ho udito dal Padre mio..” ( Giov. 15,14-15 )

Lo Spirito Santo, amore consustanziale del Padre e del Figlio, abita nelle anime in grazia, le illumina, le santifica.

 

E’ in virtù di questo mistero che noi possiamo avere la forza di adempiere al comando categorico che Gesù ci ha imposto: amare il prossimo.

Nei secoli antichi la grande fede la esprimevano perfino dedicando alla SS.Trinità gli ospedali che costruivano!

 

Ed era con la forza della Trinità che affrontavano il martirio.

 

A Catania, nel 304 il diacono Euplio fu sottoposto a numerose torture perché rinnegasse.

Aveva tanta sete e si contorceva di dolore; “ disgraziato, gli gridò il giudice, adora Marte, Apollo, Esculapio, e avrai da bere !”

Il martire rispose: “ io adoro il Padre il Figlio e lo Spirito Santo…essi mi daranno da bere tra qualche momento, l’acqua viva della gioia eterna…”

 

Anche a ciascuno di noi oggi il mondo ci dice: adora il piacere- adora il denaro- adora l’orgoglio, sarai felice !

 

Prova anche tu a rispondere come il martire siciliano “ io adoro il Padre, il Figlio, lo Spirito Santo; essi mi daranno l’unica vera felicità..!”

 

Bellissima la preghiera che si celebra oggi nei vespri solenni bizantini: Venite, popoli, adoriamo la divinità in tre persone: il Padre nel Figlio con lo Spirito Santo.

 

Noi tutti adoriamo appunto questa divinità dicendo: DIO Santo che hai creato tutto per mezzo del Figlio con lo Spirito Santo; santo forte, per mezzo del quale abbiamo conosciuto il Padre e lo Spirito Santo e’ venuto nel mondo; gloria a te, Santa Trinità!”

 

VOGLIAMO FARE INSIEME L’ATTO DI ADORAZIONE ALLA TRINITA’?

 

METTIAMOCI UN ATTIMO IN GINOCCHIO: FACCIAMO IL SEGNO DELLA CROCE E PRONUNCIAMO AD OCCHI CHIUSI QUELLE PAROLE.

 

POI CON LO SGUARDO VERSO L’INIFINITO DICIAMO PER L’ENNESIMA VOLTA “.. IO CREDO IN TE SIGNORE MA AUMENTA LA MIA FEDE.

 

Temi

Gli Etruschi
Gli Etruschi
I Farnese
I Farnese
Canino
Canino
Luciano Bonaparte
Luciano Bonaparte

 

Interventi
Interventi
Personaggi
Personaggi
Tuscia
Tuscia
Calendario di Lucrezia
Calendario di Lucrezia

 

Antropologia
Antropologia
Teatro
Teatro
Tuscia vista dal cielo
Tuscia vista dal cielo
Artisti
Artisti

 

Primo piano