Cristo è asceso nei cieli, regna alla destra del Padre

  Siamo al quarantesimo giorno dalla Risurrezione
Image

Ormai la missione terrena di Gesù si conclude.

E’ finito il tempo della incarnazione e deve congedarsi dai suoi amici.

 

Nella prima lettura della liturgia della Ascensione, è ancora Luca che con il suo scritto- Atti degli Apostoli- racconta al suo carissimo amico Teofilo, come Gesù “.. si mostrò ad essi vivo, dopo la sua passione, con molte prove, apparendo loro per quaranta giorni e parlando del Regno di Dio.

Mentre di trovava a tavola con essi, ordinò loro di non allontanarsi da Gerusalemme, ma di attendere che si adempisse la promessa del Padre, quella, disse, che voi avete udito da me…”

 

Poi condusse gli apostoli fuori della città e li portò in cima al monte oliveto, facendo il cammino che aveva percorso con loro esattamente sei settimane addietro, la sera del giovedì santo.

 

Stesso ambiente ma spirito completamente diverso !

 

Allora andava con loro verso la notte della agonia, ora verso il giorno del trionfo !

 

Sulla cima alzò una ultima volta le mani a benedire i suoi apostoli, poi i piedi forati si staccarono da terra ed elevandosi in alto, partì a loro.

 

Tutti tenevano il volto rivolto in su, guardando Lui che emanava abbagliantissima luce, finchè una nube lo avvolse e lo tolse alla loro vista.

 

Cristo ormai era nella gloria del Padre, seduto alla sua destra.

 

Gli apostoli, come bambini, rimangono ancora estasiati a guardare lassù nel cielo, ma non vedranno più niente.

 

Quante volte forse è venuta spontanea, anche a noi, questa considerazione….magari avessimo potuto anche noi vederlo con i nostri occhi, toccarlo con le mani, ascoltalo con le nostre orecchie…

 

Se così fosse avvenuto la nostra fede non avrebbe più avuto merito e il nostro amore sarebbe stato prevalentemente sensibile…

 

E’ indispensabile, invece, che i nostri pensieri e desideri siano rivolti al mondo invisibile.

 

S. Paolo quando scrive agli abitanti di Corinto ( II Cor. IV ) dice “

Le cose visibili sono temporanee, mentre le invisibili sono eterne…”

 

E per darci la certezza e garanzia dell’eternità, Gesù disse ad ognuno di noi la frase che io considero la più consolante per ogni uomo…..” ORA IO RITORNO AL PADRE..E LI’ PREPARO UN POSTO PER CIASCUNO DI VOI…”

 

            Grazie Signore di questo ennesimo atto di tenerezza e di amore per noi !

Non hai detto “prima facciamo i conti e poi vedremo se te lo merito..”.

E’ troppo grande l’amore che hai per me, nonostante il mio carattere, i miei difetti, le mie debolezze..

 

Nella tua misericordia infinita, il posto me lo hai già preparato.

 

Aiutami Signore, ad essere meno indegno ogni giorno della mia esistenza terrena, della bontà, senza limiti, che continui ad avere per me…

Temi

Gli Etruschi
Gli Etruschi
I Farnese
I Farnese
Canino
Canino
Luciano Bonaparte
Luciano Bonaparte

 

Interventi
Interventi
Personaggi
Personaggi
Tuscia
Tuscia
Calendario di Lucrezia
Calendario di Lucrezia

 

Antropologia
Antropologia
Teatro
Teatro
Tuscia vista dal cielo
Tuscia vista dal cielo
Artisti
Artisti

 

Primo piano