Gesù in persona stette in mezzo a loro e disse: "Pace a voi"

  Negli ultimi quaranta giorni di permanenza su questa terra,Gesù, con un paziente lavoro,deve gradualmente rafforzare la fede dei suoi amici, convincendoli, prima di tutto, che LUI è veramente risorto.
Image

Non è facile per gli apostoli credere in qualcosa che va razionalmente contro corrente.

D’altra parte sono uomini semplici, senza nessuna istruzione, e quindi con limitata capacità di analisi approfondite.

 

Hanno vissuto questi anni con il Maestro, in un alternarsi sconcertante di periodi di entusiasmo, intravedendo un futuro soprattutto di benessere materiale; sensazioni puntualmente represse da altri motivi di titubanza, scoraggiamento, delusioni…

 

Gesù deve usare argomenti concreti per togliere i loro dubbi; perché quando appare loro con il saluto “ pace a voi “, dice luca(24-37) “che stupiti e spaventati, credevano di vedere un fantasma”.

 

Quanta dolcezza nel Cristo che dice loro: “perché siete turbati e perché sorgono dubbi nel vostro cuore? Guardate le mie mani e i miei piedi, sono proprio io ! Toccatemi e guardate; un fantasma non ha carne ed ossa come vedete che ho io”.

 

E’ la prova non solo visiva ma anche di contatto fisico.

Quanto è stata lunga e difficile questa opera di persuasione !

 

 Gli apostoli l’hanno visto, toccato, provano una grande gioia ma, dice Luca “…ancora non credevano ed erano stupefatti”.

 

E Gesù smonta l’ultimo ostacolo con una proposta ad effetto.”…. avete qualcosa da mangiare ? Gli portarono una porzione di pesce arrostito; egli lo prese,lo mangiò davanti a loro..”

 

Ed inizia negli apostoli la vera metamorfosi.

Cominciano a persuadersi.

Ci vorranno ancora parecchi giorni , ma ormai hanno intrapreso il cammino della testimonianza

 

Quanto mi rispecchio anche io, nell’atteggiamento dei discepoli !

 

Anche in me si alternano momenti di facile entusiasmo a periodi di dubbi, di insoddisfazione interiore.

Se forse anche tu a volte provi lo stesso mio stato d’animo, raccogliamoci insieme in un momento di preghiera che esca dal profondo del cuore:  “ Ti ringrazio, Signore, anzitutto perché non mi hai permesso di vederti come un fantasma e di avermi infuso quel coraggio che l’ incomprensione e spesso, l’ostilità degli uomini( anche i più bene intenzionati ) mi spegnevano.

Mi hai fatto sentire nell’intimo,dove non ti si può confondere con un fantasma, né fraintendere: Coraggio sono io,non tu, a lavorare, a rischiare con te, per il Padre, per il nostro Padre.

 

Non aspettare la quiete, la pace per lavorare con me:

in queste condizioni ti troverai solo alla destra del Padre, con me”.

 

TI RINGRAZIAMO SIGNORE; AUMENTA OGNI GIORNO LA NOSTRA FEDE !

 

 

 

 


Temi

Gli Etruschi
Gli Etruschi
I Farnese
I Farnese
Canino
Canino
Luciano Bonaparte
Luciano Bonaparte

 

Interventi
Interventi
Personaggi
Personaggi
Tuscia
Tuscia
Calendario di Lucrezia
Calendario di Lucrezia

 

Antropologia
Antropologia
Teatro
Teatro
Tuscia vista dal cielo
Tuscia vista dal cielo
Artisti
Artisti

 

Primo piano