Il figlio dell'uomo non ha dove posare il capo

 
Durante Tempo Ordinario, il colore liturgico dei paramenti del celebrante è il verde, che caratterizza le domeniche ordinarie, ossia senza nessuna ricorrenza particolare
Image

  
Ci accompagna sempre l'evangelista Luca che descrive anche i particolari organizzativi dei viaggi apostolici del Cristo. Gesù era in missione con i dodici ed altri discepoli, e manda avanti alcuni a preparare vitto e alloggio.".. entrarono in un villaggio di Samaritani"; era uno dei villaggi di confine della Samaria,tra la Galilea a nord e la Giudea a sud. I Samaritani odiavano i Giudei~e il loro culto, ed avevano edificato anche un loro tempio sul monte Garìzim ( l'attuale Gebel et-tor dì Giordania, alto m. 868 s.m.). "...Questi però non lo accolsero.." ed allora i due fratelli focosi, Giacomo e Giovanni, soprannominati da Gesù figli del tuono, andarono su tutte le furie, chiedendo addirittura al Maestro di far scendere fuoco dal cielo e distruggere quei pessimi Samaritani. Tale proposta era incompatibile con lo spirito dì mitezza e di misericordia del Maestro, che mai aveva usato tali metodi con i nemici. "..ma Gesù si voltò verso Giacomo e Giovanni e li rimproverò..." Si dirigono quindi verso un altro villaggio. Tutti seguono Gesù attratti da possibili posizioni di benessere; tra questi un giovane che dice a Gesù: "..ti seguirò dovunque tu vada..". Ma Gesù contro le illusioni e ì miraggi di benessere terreno, raglia corto: " le volpi hanno le fora tane e gli uccelli del cielo i loro nidi, ma ìl Figlio dell'Uomo non ha dove posare il capo..." Gli apostoli si ammutoliscono, altri si trovano in imbarazzo a seguirlo e delusi se ne vanno. Quanto ci fa riflettere questo atteggiamento di Gesù ! Trova sulla sua via nemici che lo odiano, e cercano in ogni modo di fargli del male. Non c'è il Lui una parola di reazione, una lamentela. La sua amarezza profonda non la esterna in alcun modo. Ed io? Quanto sono simile all'atteggiamento dei due fratelli Giacomo e Giovanni! Ho bisogno di sfogarmi, di scaricare, anche senza controllo delle parole, la mi a delusione e il mio nervosismo. Ti chiedo sempre, Signore mio, tranquillità economica, serenità nel mio campo di lavoro e di farmi godere la vita... Con queste premesse la mia esistenza inevitabilmente sprofonda nella delusione, sfiducia, reazione, e vorrei dirti " perché Signore non mi aiuti? Perchè ai disonesti va tutto bene? E arrivo in certi momenti oscuri della vita a dire".. ma forse è inutile pregare il Signore, tanto per me non ci sarà mai niente di buono..." Ho capito, Signore, perché non reagisci ai miei lamenti. Se Tu assecondassi le mie richieste di comodità, non mi potresti più garantire il premio eterno. Aiutami ad accettare le tue proposte. Lo so che lo fai perché mi vuoi bene. Fonte: www.viedellospirito.it
 

Temi

Gli Etruschi
Gli Etruschi
I Farnese
I Farnese
Canino
Canino
Luciano Bonaparte
Luciano Bonaparte

 

Interventi
Interventi
Personaggi
Personaggi
Tuscia
Tuscia
Calendario di Lucrezia
Calendario di Lucrezia

 

Antropologia
Antropologia
Teatro
Teatro
Tuscia vista dal cielo
Tuscia vista dal cielo
Artisti
Artisti

 

Primo piano