Le Aziende Territoriali per l'Edilizia Territoriale, un apparato burocratico mangiasoldi e nessuna funzione sociale
Case popolari


 

  L'Ater non è in grado di applicare la legislazione antisismica.

Che alle case popolari di tutta Italia sia tradizionale una amministrazione barocca è risaputo ma sappiamo anche che da anni le facoltà italiane di ingegneria stanno sfornando laureati sulla base di piani di studio che affrontano e risolvono il problema. E questo nonostante che destra e centrosinistra abbiano dato il loro contributo per trasformare i vecchi IACP in enti-imprese di mercato secondo le stesse teorie che segue Brunetta ascese ormai, nei moderni economisti, a teoria prevalente. Nella stessa logica dei giuslavoristi socialisti che ambivano coniugare, arditamente, almeno nelle intenzioni, gli interessi contrapposti di lavoro e capitale in una logica interclassista che per la DC era solo politica, non tecnica, e che per il D'Alema-pensiero è superamento della dialettica e della competizione politica. Ancora una volta si dimostra che l'impresa snatura l'ente e l'ente snatura l'impresa. Come nella Talete erede dei consorzi.

Gli enti-imprese o le imprese-enti, a seconda se si parta dal pubblico o dal privato, si evolvono inesorabilmente in un ibrido nel quale prevalgono gli aspetti negativi dell'ente, per esempio la burocrazia, e quelli dell'impresa, per esempio la perdita della dimensione sociale. Gli Ater hanno in genere una dimensione di media impresa ma una burocrazia e dei costi dirigenziali e di apparati tecnici superiori di molto a quelli di una grande impresa. Si perde la funzione sociale e non si fa profitto significativo.

A questo punto sarebbe opportuno scioglierli perché le cooperative di abitazione sono in grado di gestire meglio e con più partecipazione dei soci-inquilini le risorse per l'edilizia popolare con opportuni accorgimenti sulla legislazione riguardanti gli statuti societari differenziando la gestione delle sovvenzioni da quelle delle agevolazioni in cooperative distinte o nell'ambito della stessa cooperativa. Il controllo dei soci si è dimostrato il più efficace e la scelta delle imprese è più diretta e non mediata da procedure burocratiche talora altamente discriminanti anche sotto aspetti di legalità o di illegalità facilmente accessibili nelle gare di appalto che spesso favoriscono anche pericolosi inserimenti di imprese di ambito criminale e mafioso.  

Temi

Gli Etruschi
Gli Etruschi
I Farnese
I Farnese
Canino
Canino
Luciano Bonaparte
Luciano Bonaparte

 

Interventi
Interventi
Personaggi
Personaggi
Tuscia
Tuscia
Calendario di Lucrezia
Calendario di Lucrezia

 

Antropologia
Antropologia
Teatro
Teatro
Tuscia vista dal cielo
Tuscia vista dal cielo
Artisti
Artisti

 

Primo piano