L'Associazione Pescasportivi di Canino chiede ancora al Comune di rendere accessibile al pubblico la cascata del Pellico.
La cascata del Pellico, inaccessibile da tre anni

 

  Denunciamo questa situazione da tempo e lo abbiamo fatto con un manifesto lo scorso 3 agosto, e malgrado la legge da subito apparisse sufficientemente chiara sul divieto di apporre alcuna recinzione a meno di 10 metri dalla sponde dell’alveo, il Comune di Canino ha inteso necessario porre uno specifico quesito alla Regione Lazio (Dipartimento Territorio). Al quesito posto il 12 ottobre la Regione risponde rapidamente (25 ottobre) e nel confermare il divieto, invita il Comune a informare tempestivamente il Comando del Corpo Forestale dello Stato su eventuali abusi. La risposta inviata dalla Regione non soddisfa il Comune, che chiede ancora chiarimenti, ai quali viene data risposta con due ulteriori lettere l’ 8 e il 22 novembre 2007. Il dirigente della RegioneDanilo Piermarini, immaginiamo stupito da tanta cavillosità, ribadisce in tutte le risposte l’assoluto divieto. Sono passati oltre 30 giorni dalla prima comunicazione e a tutt’oggi non è possibile accedere alla cascata del Pellico. Noi ci chiediamo, perché il Comune, malgrado gli viene dato pieno mandato, è così in difficoltà a far applicare la legge? La tanto declamata “valorizzazione del territorio” si fa innanzitutto preservando quanto di buono già abbiamo. Ridiamo il Pellico a chi appartiene: ragazzi, donne, uomini, anziani, togliamo ogni barriera e anzi garantiamo l‘accesso anche ai diversamente abili! Si tratta di “demanio pubblico” e non di un bene privato! Gruppo Pescasportiva “Fiora” – Canino
 

Temi

Gli Etruschi
Gli Etruschi
I Farnese
I Farnese
Canino
Canino
Luciano Bonaparte
Luciano Bonaparte

 

Interventi
Interventi
Personaggi
Personaggi
Tuscia
Tuscia
Calendario di Lucrezia
Calendario di Lucrezia

 

Antropologia
Antropologia
Teatro
Teatro
Tuscia vista dal cielo
Tuscia vista dal cielo
Artisti
Artisti

 

Primo piano