Antenna Wind, raccolta differenziata e commissione edilizia i temi più discussi nell’ultima seduta del Consiglio Comunale di Canino

Image

L’antenna Wind non era all’Ordine del Giorno del Consiglio Comunale del 29 novembre, però i Consiglieri di minoranza Cesarini, Gregni, Mariotti, Mazzuoli e Ricci hanno presentato un’interrogazione scritta (clicca per leggerla) in cui si appellavano al Sindaco affinché non fosse posta dove la Giunta ha deliberato, ovvero sull’acquedotto nei pressi del Campo Sportivo e, chiedevano, quale fosse la posizione dell’Amministrazione sull’argomento visti i documenti discordanti (un manifesto del Sindaco con dichiarazioni alquanto avventate (“le radiazioni dei ripetitori sono innocue”), una petizione del 1999 in cui gli attuali Assessori Ceccarelli e Di Marchi chiedevano al Sindaco Gregni di non installare un simile congegno presso il vecchio acquedotto) ed una delibera di Giunta (presenti gli stessi Assessori citati) del marzo 2004 che autorizza la Wind ad installare l’antenna. Il Sindaco ha dichiarato che il contenuto del manifesto, dalla stessa firmato, non è stata opera sua ma si è trattato di un errore dell’addetto stampa dell’epoca e che, comunque, è stato subito ritirato. Da tutto ciò è parso di capire che la maggioranza sia in grande confusione e che presto dovrà fare marcia indietro.
Nell’assestamento di bilancio trovava posto, evidenziata dal Consigliere Mazzuoli, l’ennesima maggiore spesa dovuta al servizio dei Rifiuti e più specificamente alla raccolta differenziata. Si tratta di circa 15.000,00 € in più che rischiano, per il prossimo anno, di portare ad un altro aumento della bolletta. Il Sindaco ha riferito che la raccolta differenziata inizialmente ha un costo maggiore e che comunque il successo dell’iniziativa è notevole avendo raggiunto circa il 10% sul totale dei rifiuti raccolti nelle zone interessate. I Consiglieri di minoranza Mariotti e Ricci hanno obiettato che di fronte a queste cifre deficitarie sarebbe stato meglio soprassedere dall’iniziativa. La raccolta differenziata dei rifiuti è costata al Comune, dal 1 gennaio al 30 settembre 2004, la bella cifra di 29500,00 € imputabili esclusivamente al sistema adottato dall’Amministrazione comunale.
L’altra questione che ha galvanizzato l’Assemblea è stata la modifica della composizione della Commissione Edilizia. L’Amministrazione ha infatti deciso di “depurarla” dai componenti politici che finora ne hanno sempre fatto parte (il Sindaco od un suo delegato e due Consiglieri Comunali, uno di maggioranza ed uno della minoranza). Il Consigliere di minoranza Cesarini ha espresso una profonda contrarietà all’iniziativa perché così veniva a mancare, nell’ambito della Commissione, quel minimo di garanzia che un elemento della minoranza avrebbe concesso, essendo tutti i membri “tecnici” nominati dalla Giunta. Il Consigliere di maggioranza Selleri si diceva invece entusiasta dell’iniziativa in quanto una commissione senza politici sarebbe stata veramente al di fuori di ogni condizionamento. I Consiglieri di minoranza Ricci e Cesarini esprimevano invece il concetto contrario, ovvero quanto una commissione cosiddetta tecnica, nominata per intero da un Giunta Municipale di un unico colore politico, possa essere scevra da condizionamenti. Anche il Consigliere Mazzuoli esprimeva dei dubbi procedurali sull’atto in questione, in quanto il funzionamento e l’organizzazione delle Commissioni è regolato per legge da appositi regolamenti, perciò andrebbe prima modificato il regolamento edilizio comunale, che peraltro risale al 1971.

Temi

Gli Etruschi
Gli Etruschi
I Farnese
I Farnese
Canino
Canino
Luciano Bonaparte
Luciano Bonaparte

 

Interventi
Interventi
Personaggi
Personaggi
Tuscia
Tuscia
Calendario di Lucrezia
Calendario di Lucrezia

 

Antropologia
Antropologia
Teatro
Teatro
Tuscia vista dal cielo
Tuscia vista dal cielo
Artisti
Artisti

 

Primo piano